New reconstructive proposal for a critical reading of the archaeological documentation of Syracuse in Greek times

Authors

  • Fabio Caruso Institute for Archaeological and Monumental Heritage of National Research Council (IBAM -CNR)
  • Francesco Gabellone Institute for Archaeological and Monumental Heritage of National Research Council (IBAM -CNR)
  • Ivan Ferrari Institute for Archaeological and Monumental Heritage of National Research Council (IBAM -CNR)
  • Francesco Giuri Institute for Archaeological and Monumental Heritage of National Research Council (IBAM -CNR)

DOI:

https://doi.org/10.4995/var.2015.4149

Keywords:

Virtual scene, Simulation, Lighting, Spatial analysis, Rock art

Abstract

[IT] Lo studio ricostruttivo di un monumento antico risente fortemente di lacune informative, errata trascrizione delle fonti, errata traduzione o peggio ancora, di interpretazioni soggettive che possono compromettere drasticamente il risultato finale, portando a ricostruzioni anche notevolmente diverse tra di loro. Questo lavoro vuole presentare i risultati di uno studio ricostruttivo condotto filologicamente su alcuni monumenti di Siracusa in età greca, cercando di evidenziare il contributo specifico dell'archeologia virtuale nei processi interpretativi, al fine di proporre una presentazione efficace rivolta ad un target specifico di turisti. Seguendo questo approccio sono stati ricostruiti il Tempio di Apollo, il complesso monumentale di piazza Duomo ed il Teatro greco, cercando di fornire output di visualizzazione che fossero adeguati ad una consultazione da smartphone e coerenti alle finalità generali del progetto "PON Energia Smart City". Questo progetto prevede un approccio "smant" alla visita di Siracusa, privilegiando principalmente logiche di fruizione efficiente on-site grazie all'adozione di tecnologie basate sulla Realtà Aumentata, la visione dei monumenti da punti inusuali e la visita virtuale multimodale dei punti di interesse. Emerge da questo studio la nuova fisionomia di quei monumenti che, per motivi diversi, sono stati rappresentati negli anni in forme e modi del tutto differnti, tali da rendere a volte irriconoscibili le diverse ricostruzioni dello stesso oggetto. Grazie alle tecnologie di restituzione 3D basate sull'immagine è stato possibile integrare le parti mancanti di alcuni elementi architettonici e scultorei che, ricollocati virtualmente nella posizione originaria, permettono una lettura dinamica che combina l'aspetto reale con quello virtuale.

Downloads

Download data is not yet available.

Author Biographies

Fabio Caruso, Institute for Archaeological and Monumental Heritage of National Research Council (IBAM -CNR)

National Research Council

Francesco Gabellone, Institute for Archaeological and Monumental Heritage of National Research Council (IBAM -CNR)

National Research Council

References

BARLETTA, B.A. (2001): The Origins of the Greek Architectural Orders, Cambridge University Press.

COURTOIS, C. (1989): Le bâtiment de scène des théâtres d'Italie et de Sicile. Étude chronologique et typologique, Providence (Rhode Island)/Louvain-la-Neuve.

DIODATO, R. (2005): Estetica del virtuale. Milano, Bruno Mondadori Editore.

GABELLONE, F., GIANNOTTA, M.T. (2013): “Marta Racconta”: a project for the virtual enjoyment of inaccessible monuments”, CHNT 18, International Conference on Cultural Heritage and New Technologies, Stadt Archäologie, Wien, November 11-13, 2013.

GABELLONE, F., GIANNOTTA, M.T., FERRARI, I., DELL’AGLIO, A. (2013): “From museum to original site: 3d environment for the virtual visit of finds re-contextualized in their original provenance”, 2013 Digital Heritage International Congress, 28 Oct – 1 Nov 2013, Marseille, France (DigitalHeritage),Vol. 2, Marseille 2013, pp. 215-222. http://dx.doi.org/10.1109/DigitalHeritage.2013.6744757

GABELLONE, F., GIANNOTTA, M.T., FERRARI, I., DELL’AGLIO, A. (2013): “Development of realistic Virtual Environment for a project of Museum Communication”, in 6th International Congress “Science and Thechnology for the Safeguard of Cultural Heritage in the Mediterranean Basin”, 22end – 25th October, Athens, Greece, vol. III, pp. 41-49.

GABELLONE, F., GIANNOTTA, M.T. (2013): “Monumenti inaccessibili della necropoli greca di Taranto: un modello di fruizione virtuale basato su interfacce naturali”, CIAC 2013, XVIIIth International Congress of Classical Archaeology, Mérida, 13-17 May 2013.

GABELLONE, F. (2009): Ancient contexts and Virtual Reality: From reconstructive study to the construction of knowledge models, Journal of Cultural Heritage, Journal number 9069, Elsevier B.V. https://doi.org/10.1016/j.culher.2009.10.001

VAN COMPERNOLLE, R. (1966): “Syracuse, colonie d’Argos?”, in Kokalos, n° 12, pp. 75-101.

VOZA, G. (1999): Lo scavo archeologico di Piazza Duomo, Siracusa.

Published

2015-10-16

How to Cite

Caruso, F., Gabellone, F., Ferrari, I., & Giuri, F. (2015). New reconstructive proposal for a critical reading of the archaeological documentation of Syracuse in Greek times. Virtual Archaeology Review, 6(12), 19–28. https://doi.org/10.4995/var.2015.4149

Issue

Section

Articles